Intervista all’inviato Fausto Biloslavo

Un esempio di mente critica è il giornalista inviato. La filosofia di CriticaMente messa in pratica. L’inviato, infatti, se imparziale, ha un pensiero critico per andare sotto la superficie delle cose per scavare e trovare le radici di un conflitto o di un problema. Oltre a Toni Capuozzo e Rodolfo Casadei (vedi interviste), un altro grande inviato capace di ciò è Fausto Biloslavo. L’ho intervistato e gli ho fatto domande più personali che professionali, perché volevo conoscere l’aspetto umano del reporter di guerra. Forse l’aspetto meno conosciuto di un inviato.

TRASCRIZIONE DELL’INTERVISTA A FAUSTO BILOSLAVO – 25 maggio 2016                            di Michele a Grotto Continua a leggere “Intervista all’inviato Fausto Biloslavo”

Intervista all’inviato Rodolfo Casadei

Un esempio di mente critica è il giornalista inviato. La filosofia di CriticaMente messa in pratica. L’inviato, infatti, se imparziale, ha un pensiero critico per andare sotto la superficie delle cose per scavare e trovare le radici di un conflitto o di un problema. Oltre a Toni Capuozzo e Fausto a Biloslavo (vedi interviste), un altro grande inviato capace di ciò è Rodolfo Casadei. L’ho intervistato e gli ho fatto domande più personali che professionali, perché volevo conoscere l’aspetto umano del reporter di guerra. Forse l’aspetto meno conosciuto di un inviato.

TRASCRIZIONE DELL’INTERVISTA A RODOLFO CASADEI – a Portogruaro, 5 marzo 2016      di Michele Grotto Continua a leggere “Intervista all’inviato Rodolfo Casadei”

Intervista all’inviato Toni Capuozzo

Un esempio di mente critica è il giornalista inviato. La filosofia di CriticaMente messa in pratica. L’inviato, infatti, se imparziale, ha un pensiero critico per andare sotto la superficie delle cose per scavare e trovare le radici di un conflitto o di un problema. Un grande inviato capace di ciò è Toni Capuozzo. L’ho intervistato e gli ho fatto domande più personali che professionali, perché volevo conoscere l’aspetto umano del reporter di guerra. Forse l’aspetto meno conosciuto di un reporter di guerra.

TRASCRIZIONE DELL’INTERVISTA A TONI CAPUOZZO – 27 febbraio 2016.                                di Michele Grotto Continua a leggere “Intervista all’inviato Toni Capuozzo”

Two ingredients for a good future

To improve teachers quality is to improve many people’s life. In spite of this, school quality is not sufficient, because also parents have the means to improve their children’s future.

School holds the whip hand: it has the possibility to change and improve our future. It is the most important institution. It educates and shapes people and for this reason it is fundamental to give school more quality. To improve school and teachers’ training quality means to improve many people’s life. In fact teaching is a profession which acts as the foundation of the society. If it’s true that our behaviour and our personality are influenced by our family environment (above all during our first five years of life, as many experts affirm), it’s also true that our attitude is transformed – improved or worsened – by school education. Continua a leggere “Two ingredients for a good future”

PORDENONELEGGE: Vittorino Andreoli corre nel tempo

Vittorino Andreoli presenta il suo libro “La mia corsa nel tempo” a PordenoneLegge. Memoria, vecchiaia e identità secondo Vittorino.

Andreoli, si sa, non annoia nessuno. Ha parlato del suo ultimo libro “La mia corsa nel tempo“, la sua autobiografia, domenica 18 settembre a Pordenone durante l’ultima giornata del festival PordenoneLegge. Continua a leggere “PORDENONELEGGE: Vittorino Andreoli corre nel tempo”

I 2 ingredienti per un buon futuro

Non basta aumentare la quantità degli insegnanti per migliorare la scuola. Aumentare la qualità degli insegnanti-formatori, invece, aiuterà a migliorare scuola e società. Tuttavia gli insegnanti non bastano se i genitori si limitano a crescere solo fisicamente – e non mentalmente – i propri figli.

La scuola ha il coltello dalla parte del manico. Anzi, la penna. E sta a lei – o meglio a chi la amministra e ne decide il futuro – scrivere con questa penna come affronteremo i prossimi anni, come vivranno i giovani come me, come sarà l’Italia. La scuola è l’istituzione più importante di tutte. Forma persone. E dovrebbe bastare questo per capire che è fondamentale migliorare dal punto di vista qualitativo (oltre che quantitativo) il mestiere dell’insegnante. Mestiere che sta alla base della società. Migliorandone la qualità, migliorerebbe la qualità della vita di molte persone. E se è vero che il carattere, la mentalità e la personalità delle persone sono influenzate fortemente dall’ambiente familiare (soprattutto nei primi cinque anni di vita, come affermano gli esperti), è anche vero che questi vengono poi modificati – migliorati o peggiorati – pesantemente dalla scuola. Continua a leggere “I 2 ingredienti per un buon futuro”